SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI A 49 €

Starbucks, coppia lesbo nel nuovo spot natalizio ed è già polemica

MILANO – È stato lanciato appena da qualche giorno, ma fa già discutere, il nuovo spot per il periodo festivo di Starbucks. Si tratta di un cartone animato di una trentina di secondi, che si apre con il il claim: “Le feste significano qualcosa di diverso per ognuno”.

Una mano femminile colora il disegno di una colomba, che vola via. Poi una serie di immagini abbastanza convenzionali.

Una coppia di anziani che passeggia in un parco, addobbi natalizi, un papà che aiuta la figlia ad appendere una pallina sull’albero, genti di ogni razza ed età.

L’immagine finale: una dolce coppia formata da due ragazze, che reggono assieme un bicchierone fumante di caffè. E si avvicinano, mentre l’immagine si dissolve, accennando un bacio.

Claim finale: “Quest’anno, la tazza è solo l’inizio. Sta a voi renderla speciale”.

Un invito a personalizzare i disegni stampati sui bicchieroni del periodo delle feste colorandoli a piacimento. Ma anche e soprattutto a vivere le festività ciascuno a modo suo, secondo la propria cultura e le proprie tradizioni e convinzioni personali.

Ecco lo spot.

Forti critiche

Non è la prima volta, naturalmente, che Starbucks appoggia esplicitamente le istanze LGBT. Già in passato, a causa delle sue posizioni, ha subito boicottaggi da Indonesia e Malesia. E lo stesso CEO, Howard Schultz, ha invitato a suo tempo chiunque fosse contrario ai diritti LGBT a non comprare i suoi prodotti.

Molte le critiche rivolte a Starbucks anche in patria da varie comunità cristiane, che hanno più volte contestato in questi anni l’assenza, nella pubblicità delle feste, di qualsiasi richiamo alla tradizione, al significato, all’iconografia e ai valori religiosi del Natale.

Fonte :comunicaffe.it/

Dal 2013 il blog del caffè seleziona ed elabora le ultime notizie dal mondo del caffè. Curiosità, storia, cultura e ricette. Un piccolo mondo dentro Capsule & Coffee, per appassionarvi sempre più.

Post correlati

I commenti sono chiusi